L’operatore del deposito a garanzia Bitcoin ammette di aver commesso una truffa da 3 milioni di dollari

  • Il gestore del deposito a garanzia di Cryptocurrency, Jon Thompson, si dichiara colpevole delle accuse di frode
  • Ha truffato aziende per 7 milioni di dollari attraverso la sua attività di deposito a garanzia
  • Sarà condannato entro il prossimo anno

Una pubblicazione di venerdì del Dipartimento di Giustizia ha informato che l’operatore di due società di escrow Bitcoin Evolution, Jon Thompson, si è dichiarato colpevole per il suo coinvolgimento in un piano fraudolento, che ha portato alla perdita di milioni di dollari. Thompson rischia un massimo di dieci anni di carcere.

L’operatore del deposito a garanzia Bitcoin ha infranto le regole della società

In seguito al documento del DOJ, Thompson ha gestito le due società di deposito a garanzia della valuta digitale – Volantis Market Marking e Volantis Escrow Platform – con il nome collettivo di „Volatis“. Negli ultimi due anni, ha indotto un’organizzazione senza nome a trasferire milioni di dollari alle sue società di deposito a garanzia per l’acquisto di valuta criptata. Tuttavia, non ha accettato di pagare il deposito a garanzia Bitcoin.

Ha convinto l’azienda senza nome a credere che non avrebbe rilasciato il loro denaro al venditore di valuta digitale se non avesse confermato che quei Bitcoin gli erano stati inviati (Thompson).

A questo proposito, la società ha trasferito circa 3,25 milioni di dollari a Thompson per l’acquisto di valuta digitale. Tuttavia, il presunto gestore della società di deposito a garanzia ha inviato i fondi a un’altra terza parte senza nome, nonostante non abbia ricevuto Bitcoin.

La sentenza di Thompson

Ciò è andato in contrasto con i contenuti pubblicitari di Thompson, che ha notato che le società di deposito a garanzia Bitcoin avrebbero agito come depositari di beni, facilitando le transazioni per le due parti di una transazione per evitare rischi. Anche dopo aver liberato quei fondi, Thompson ha nascosto lo sviluppo alla società per giorni: nel luglio dello scorso anno, il gestore dell’escrow è stato arrestato con l’accusa di frode alla comunità.

Come ha riferito Cryptopolitan, ha frodato un’altra società per circa 4 milioni di dollari. In totale, ha truffato aziende per 7 milioni di dollari attraverso la sua attività di deposito a garanzia di criptovalute.

Avendo dichiarato la sua colpevolezza oggi, è probabile che debba affrontare 10 anni di reclusione, come suggerisce il documento. Sarà condannato entro il prossimo anno, precisamente il 7 gennaio.